Crescono le infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici presenti sul territorio italiano: i dati elaborati da Motus-E, l’associazione che raggruppa tutti gli stakeholders della mobilità elettrica, segnala come siano presenti sul territorio italiano 23.275 punti di ricarica in 11.834 stazioni (o colonnine) e 9.453 location accessibili al pubblico.

Il dato, aggiornato alla fine del mese di giugno 2021, evidenzia una crescita del 12% circa rispetto al dati rilevato alla fine del mese di marzo e testimonia la rapidità con la quale nuovi punti di ricarica vengono installati sul territorio nazionale. Nel corso dei primi 3 mesi del 2021 la crescita era stata pari all’8% rispetto al trimestre precedente, un dato nuovamente molto interessante tenendo anche conto delle difficoltà legate alla pandemia e al rallentamento degli investimenti.

Tornando indietro al mese di settembre 2019, quello della prima rilevazione di Motus-E nella quale erano emersi 10.647 punti in 5.246 infrastrutture, si registra una crescita del +118%, per una crescita media annua del +53%.

La stragrande maggioranza dei punti di ricarica operano in corrente alternata (AC): sono il 95% del totale, contro il 5% delle colonnine in corrente continua (DC) che sono capaci di erogare una potenza più elevata e quindi ridurre i tempi necessari per la ricarica delle batterie. Il 15% delle infrastrutture installate risulta attualmente non utilizzabile dagli utenti finali, in quanto non è stato finora possibile finalizzare il collegamento alla rete elettrica da parte del distributore di energia o per altre motivazioni autorizzative, ma tale tasso si è ridotto rispetto al 22% della precedente rilevazione di Motus-E.





Il 57% circa delle infrastrutture è distribuito nel Nord Italia, il 23% circa nel Centro mentre solo il 20% nel Sud e nelle Isole. La Lombardia resta la regione con il maggior numero dei punti di ricarica, ben 4.130 pari al 18% di tutte le installazioni. Piemonte, Lazio ed Emilia-Romagna contano il 10% a testa, mentre il Veneto il 9% dei punti nazionali. La Toscana si piazza in sesta posizione, con l’8%. Le sei regioni, complessivamente, coprono il 65% del totale dei punti in Italia. Tra le regioni che hanno registrato i tassi di crescita del numero di installazioni più rapido segnaliamo Trentino-Alto Adige (+26% da dicembre 2020), Friuli-Venezia Giulia (+22%) e Lazio (+19%).


Articolo da hwupgrade.it

SE COMPUTER

SE Computer nasce nel 2009 da una collaborazione tra due amici appassionati di tecnologia e sempre attenti alle evoluzioni del mercato. È proprio questa passione a diventare il motore che ha permesso in questi 10 anni di crescere e di dimostrare ad aziende e privati, la professionalità di chi l’ha creato.

T: 0532 893 862
E: info@secomputer.it