Skip to main content

Pat Gelsinger non ha dubbi, nei prossimi anni Intel vivr diversi “momenti Zen”. Il CEO del colosso statunitense dei microchip, intervistato dall’analista finanziario Pierre Ferragu, ritiene che nei prossimi anni i suoi ingegneri porteranno sul mercato innovazioni dirompenti, in grado di cambiare lo scenario e rimettere l’azienda sulla strada giusta per competere e crescere.

Parlando di “momento Zen” si fa un’analogia con il ritorno di AMD alla competitivit nel mercato delle CPU x86 dopo anni davvero difficili, segnati da problemi non solo tecnologici ma soprattutto finanziari. L’architettura Zen, introdotta da AMD nel 2017 con le CPU Ryzen 1000, ha drasticamente migliorato le performance dei microprocessori dell’azienda in un percorso culminato con i Ryzen 5000 basati su architettura Zen 3.

L’architettura AMD Zen ha migliorato l’IPC del 52% rispetto alla precedente Steamroller della serie FX

Dopo anni di architetture stagnanti e pressoch totale immobilismo sul fronte dei processi produttivi a causa di grandi problemi nella loro messa a punto, il ritorno di Gelsinger e una campagna acquisti tra gli ingegneri per potenziare il know-how dell’azienda portano un vento nuovo in casa Intel, aprendo una stagione diversa a partire dalle nuove CPU Alder Lake.

Secondo Gelsinger vi sono in arrivo non uno ma “tre momenti Zen” per Intel: il primo Alder Lake, il processore ibrido (qui un approfondimento) basato su due core differenti per garantire alte prestazioni e bassi consumi. Il secondo riguarda le GPU, con Gelsinger molto fiducioso tanto da affermare che Intel inizier a “essere in grado di mettere davvero pressione su NVIDIA per la prima volta“. Recentemente l’azienda ha parlato non solo di Xe HPG, l’architettura con la quale intende competere con le GPU GeForce di Nvidia, ma anche di Ponte Vecchio, il progetto Xe HPC per gli acceleratori destinati ai supercomputer.

Infine, la IPU (Infrastructure Processing Unit), un dispositivo di rete programmabile pensato per consentire ai fornitori di servizi cloud e di comunicazione di ridurre il carico sulla CPU e velocizzare le operazioni di rete.

“E credetemi, ne abbiamo alcuni che stanno ancora prendendo forma nei nostri laboratori di cui non vediamo l’ora di parlare e che riteniamo saranno un passo avanti piuttosto importante e ben superiore a tutto ci di cui si parlato finora”, ha spiegato Gelsinger aggiungendo che in casa Intel sono tornati i “geek”, ovvero persone appassionate che rimettono al centro innovazioni e prestazioni.

Gelsinger ha anche parlato di come Intel debba lavorare sodo per riconquistare la fiducia del mondo datacenter e cloud, dove le CPU AMD EPYC negli ultimi anni si sono dimostrate un formidabile avversario e hanno eroso quote di mercato alla gamma Xeon. Sempre nelle scorse settimane Intel ha svelato una sua prima risposta con le CPU nome in codice Sapphire Rapids in arrivo nel 2022.

Per quanto riguarda il pericolo AMD, dobbiamo fare prodotti migliori, punto. Quindi realizzeremo prodotti migliori, loro hanno goduto di un periodo in cui non abbiamo lavorato bene. [] Riteniamo che stiamo entrando in un periodo in cui saremo molto competitivi. Ora con Ice Lake, Sapphire Rapids e Diamond Rapids ci troviamo in un periodo in cui saremo molto competitivi e a 3-4 anni da oggi ritengo che saremo di nuovo in una posizione di leadership sostenuta“.

In questa rincorsa alla competitivit giocheranno un ruolo fondamentale anche i processi produttivi: se da una parte Intel ha svelato una roadmap rinnovata per quanto riguarda le proprie tecnologie, dall’altra con Gelsinger si apre anche in modo pi marcato all’uso di fonderie esterne come TSMC. Per il CEO di Intel si tratta di usare le migliori tecnologie per fornire il prodotto migliore.“Ho davvero lasciato campo libero ai miei ingegneri di offrire il miglior prodotto. Punto. Non sono vincolati, possono scegliere le tecnologie per realizzare i migliori prodotti della categoria“.

Restando in tema di processori: siete alla ricerca di una nuova CPU? La nostra guida ai migliori processori pu darvi una mano a scegliere la soluzione giusta che fa per voi: dategli un’occhiata!


Articolo da hwupgrade.it

Close Menu

SE COMPUTER

SE Computer nasce nel 2009 da una collaborazione tra due amici appassionati di tecnologia e sempre attenti alle evoluzioni del mercato. È proprio questa passione a diventare il motore che ha permesso in questi 10 anni di crescere e di dimostrare ad aziende e privati, la professionalità di chi l’ha creato.

T: 0532 893 862
E: info@secomputer.it